MICHELE RAK
MUSEO DELLA LANA
Pecore, formaggi, coltelli, santi, gioielli a Scanno
pp. 144
20
9788882342401

Oltrepassate la soglia del Museo della lana di Scanno. Entrate nella casa dei pastori di quasi 200 anni fa. Osservate i loro spazi, la dispensa, la cucina, la camera da letto, gli accampamenti, le immagini delle famiglie e dei santi, gli attrezzi per la tosatura delle pecore, la tessitura della lana, la lavorazione dei formaggi, i loro gioielli e amuleti. Il Museo della lana di Scanno, un borgo d’arte della Regione Abruzzo, ricostruisce nelle sue stanze un’immagine della cultura pastorale alle soglie del Contemporaneo (1825-1950). La lana è il prodotto che la comunità ha lavorato e commerciato sui percorsi della transumanza dall’Abruzzo alla Puglia e altre aree dell’Italia e dell’Adriatico. Il suo immaginario, i suoi oggetti e i suoi culti sono connessi all’allevamento delle pecore, alla lavorazione e al commercio della lana. Questo Museo di identità e di popolo, del lavoro e della tecnica è stato allestito con gli oggetti e i documenti che le famiglie e i viaggiatori hanno portato e continuano a portare nelle sue stanze come frammenti della loro storia e memoria.